SMS MORTALE, video shock della polizia inglese

SMS MORTALE, video shock della polizia inglese

Troppe persone perdono la vita sulla strada, troppi giovani restano gravemente disabili per tutta la vita.

Il filmato shock al quale si accede cliccando sul logo dell'associazione, è stato trasmesso dalla polizia inglese apposta per indurre a meditare su come la guida di un'autovettura non può essere presa alla leggera. Le distrazioni, la velocità, l'alcol, droghe, farmaci, cinture non allacciate, accendere una sigaretta o guardare altrove distraendosi sulla visuale della sede stradale, sono un'ulteriore causa di tanti incidenti spesso gravi.

Telefonare, scrivere gli sms, consultare la rubrica del cellulare alla guida è da incoscienti; la distrazione accompagna sempre le cause di un incidente che può renderci infelici per tutta la vita.

(AVVISO: per accedere al filmato clicca sul logo, sarai trasferito su youtube per la visione del filmato. Contiene immagini che possono turbare la sensibilità, vietato ai minori)

La nostra storia

La nostra storia

L’associazione “L’Officina di Sostegno” è nata a seguito dell’incidente stradale occorso a Laura Piccione (allora appena diciottenne) e che ha colpito duramente lei, la sua famiglia ed i suoi amici.

Da questo evento sono sorte numerose iniziative spontanee di aiuto e di sostegno, organizzativo e morale, nei confronti di Laura e dei suoi familiari e sempre più persone si sono sentite colpite e coinvolte in questa esperienza, contribuendo con sempre maggiore interesse e profondità.

L’incidente è avvenuto a Castelnovo ne' Monti, nell’estate del 2005, un sabato sera, in provincia di Reggio Emilia. Già allora alcuni volonterosi, ora Soci e Amici Sostenitori dell’Associazione, si sono attivati per agevolare gli spostamenti e le visite della famiglia a Laura, ricoverata, con il passare del tempo, in diversi ospedali regionali.

Residente a Bologna, Laura è stata ricoverata negli ospedali di Reggio Emilia, di Ferrara e di Bologna e l’Associazione, allora in stato embrionale, ha sostenuto la famiglia assicurando trasporti e presenza, anche quando i familiari dovevano far fronte ai diversi impegni di lavoro.

Tutt’ora è in corso un importante percorso riabilitativo, i volontari dell’Associazione e gli amici di famiglia e di Laura, contribuiscono a sostenere l’organizzazione familiare; Laura non è mai rimasta sola.

Nel febbraio del 2008 (dopo quasi 2 anni e mezzo dall'incidente) è stata organizzata la prima festa di carnevale (presso la parrocchia di S. Rita, in via Massarenti a Bologna) poi la festa di compleanno (a settembre, presso il centro sociale comunale in via Sante Vincenzi, Bologna, ora anche sede operativa dell'associazione).

Tutte queste attività sono nate intorno a Laura ed alla sua vicenda, tuttavia, dato l’ampio interesse che hanno suscitato, anche in persone che non conoscevano né la ragazza né la sua famiglia, è stata avvertita la necessità di ampliare il raggio di questi interventi e di cercare di portare aiuto a tutti coloro che dovessero trovarsi in situazioni analoghe.

Per questo il 14 aprile 2008, si è costituita l’Associazione “L’Officina di Sostegno” (con scrittura privata registrata all’Agenzia delle Entrate), senza alcun fine di lucro diretto o indiretto, per riunire le esperienze e le volontà al fine di offrire sostegno tangibile a queste situazioni sotto ogni profilo (morale, organizzativo, legale ed amministrativo).

Quindi, l’Associazione è stata iscritta nell’Elenco delle Libere Forme Associative del Comune di Bologna il 19 novembre 2008, con Determinazione Dirigenziale della Direttrice, Pgn. 269929/2008, mentre l' 8 maggio 2009 si è completato l'iter d'iscrizione nel Registro Provinciale di Bologna con Atto Dirigenziale prot. n. 171590/2009.

L’Associazione ha iniziato con 70 Soci ordinari di cui circa 8/10 dedicano importanti ritagli del proprio tempo per mantenere attive e concretizzare le finalità dell’Associazione stessa.

Il 13 di dicembre del 2008 si è tenuto il primo pranzo sociale , dove è stato distribuito il primo numero del “giornalino” dell’Associazione "L'Eco dell'Officina", ed alcuni depliants di informazione e prevenzione sugli effetti di alcol, farmaci, droghe, distrazioni e comportamenti alla guida di autovetture. Tutt'ora continuano le pubblicazioni semestrali dell' "Eco dell'Officina" e si organizzano eventi o convegni.

Il fine è, infatti, quello di condividere le diverse esperienze, sensibilizzare la società civile e, soprattutto, di agevolare la vita di relazione, il reinserimento sociale anche al lavoro nonostante l’handicap fisico.

Altri ragazzi disabili si sono aggregati all'associazione, alcuni partecipano alle attività ludiche del sodalizio, infatti le porte sono aperte non solo per chi è rimasto coinvolto in qualche grave incidente, ma anche a persone che nella disabilità ci vivono quotidianamente e che nelle nostre iniziative trovano aiuto, solidarietà, amicizia.

La nostra storia è iniziata vicino a Laura e prosegue con chi vuole condividere le nostre attività. I nostri progetti sono indirizzati a favorire l'integrazione sociale, a riprendersi quella vita di amicizie, passioni, hobby e di lavoro con la consapevolezza delle proprie difficoltà fisiche; i volontari - colonne portanti del sodalizio - sono un risorsa importante nell'organizzazione ai pranzi, feste di carnevale, compleanni, ma anche di impegno con le istituzioni per la difesa dei diritti, per trovare soluzioni a problemi contingenti la burocrazia, alla realizzazione dei convegni e alla partecipazione ad attività con altre associazioni. Il nostro impegno è a difesa della vita, dopo 8 mesi di coma Laura lentamente ha trovato sponde di Amore che le hanno dato coraggio e fiducia a guardare il futuro; il nostro motto a non fermarsi mai anche quando la stanchezza reclama o cerca di vincere su ogni preoccupazione.

L’Associazione riceve il MERCOLEDI e VENERDI' dalle 16-18 presso il Centro Anziani  "Scipione dal Ferro" di via Sante Vincenzi ,50 - 40138 Bologna - quartiere S. Vitale (rione Cirenaica), mentre la sede legale è presso lo Studio Veronesi-Romoli di via Garavaglia, 8 - 40127 Bologna.

Per contatti o informazioni: officinadisostegno@gmail.com oppure telefonate al cell.: 338 3547919. Urgenze al 339 8959000

Sito web all'indirizzo www.odsbologna.it